ATTIVITÀ

ATTIVITÀ2021-01-21T15:27:01+00:00

Attività

Nel corso della sua storia, la Rete si è avvicinata alla difesa del settore del sughero da molteplici linee strategiche. Con l’obiettivo di offrire una visione globale, abbiamo organizzato queste informazioni in rendite:

2018
2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006

2018

La Rete prosegue la sua opera di promozione dei territori del sughero e della cultura associata all’attività di questo settore a livello patrimoniale, economico e sociale. A tal fine, i suoi rappresentanti hanno partecipato a eventi e presentazioni come il progetto “Taps de Finca”, mostre e conferenze nei suoi comuni membri come Tordera, Palafrugell o Llagostera; eventi internazionali come la Feira Internacional da Cortiça, la Feira de Agosto o la Biennale del Sughero VIVEXPO. Ad esempio, alla Fiera del Sughero a Cassà de la Selva, la Rete ha organizzato un dibattito sulla valorizzazione della foresta di querce da sughero come risorsa turistica, confrontando e approfondendo le esperienze turistiche in Portogallo e Spagna.

Queste azioni a livello locale o regionale sono molto necessarie in quanto sono in grado di raggiungere un pubblico specifico, consapevole dell’ambiente e scoprire così come, nella loro attività quotidiana, possono collaborare e promuovere un settore che rispetta l’ambiente e che genera ricchezza, cultura e sviluppo socioeconomico nei territori in cui è insediato.

In questo senso, vale la pena sottolineare a livello accademico, la lezione tenuta da RETECORK presso la Facoltà di Turismo di Girona, nell’ambito del Master Europeo WINTOUR, organizzato dalla Facoltà di Enologia dell’Università Rovira i Virgili, dove 50 studenti fino a 20 diversi paesi hanno scoperto la ricchezza di questo ecosistema mediterraneo unico nel suo genere e quali sono i suoi punti di forza in relazione al turismo naturalistico e all’enoturismo.

Naturalmente, durante tutto l’anno, a Rete ha continuato a lavorare per mantenere e creare sinergie con il settore vitivinicolo, attirando possibili finanziamenti per lo sviluppo di progetti a livello nazionale e internazionale, e ha partecipato a tutti i tipi di eventi incentrati sull’eco design, convegni su sughero, bioeconomia e adattamento ai cambiamenti climatici, più legati al settore forestale, ecc.

2017

Nel 2017, RETECORK ha intensificato la sua dedizione alla preparazione di una domanda per il Interreg SUDOE, con l’obiettivo di presentare un progetto di sviluppo turistico per i territori del sughero al fine di poter estendere il lavoro svolto nel territorio spagnolo attraverso Bandi nazionali per l’intera Rete. Sfortunatamente, non è stato possibile formare un consorzio stabile di partner per mancanza di impegno da parte di un ente o comune francese.

D’altra parte, la Rete ha proseguito il suo lavoro di divulgazione dell’unicità del settore e del materiale partecipando a eventi di settore a livello internazionale come FICOR, a Coruche, la Fira del Tap, a Cassà de la Selva, la Feira de Agosto, a Grândola, la Feira da Luz / Expomor, a Montemor-o-Novo, o la Journée Annuelle du Liège, a Vivès, dove è stata presentata la Cork Oak Silviculture Guide.

Allo stesso modo, RETECORK è stata presente in eventi del settore vitivinicolo come la III Edizione della Notte del Turismo del Vino o l’inaugurazione delle nuove strutture di Vins i Licors Grau, al fine di rafforzare i legami e cercare un collegamento diretto negli itinerari enogastronomici con il settore. sughero e rafforzare le alleanze.

Infine, a fine anno, è stata avviata la collaborazione con il Corso di Laurea in Product Design dell’Università di Deusto. Così, dopo precedenti conferenze di RETECORK e del Institut Català del Suro, gli studenti di questo corso hanno progettato e sviluppato un prodotto o prototipo basato sui diversi formati in cui possiamo trovare il sughero, sotto il tema dei prodotti limitati alla casa: tendaggi tecnologici, soluzioni per stoviglie e contenitori per bibite, arredi per interni ed esterni, casette e giochi per animali e anche luci notturne e sale giochi per i più piccoli.

2016

Nel corso del 2016 la Rete ha partecipato e assistito a diversi eventi legati al settore del sughero, visti da diverse prospettive, ma che insieme sono preziosi per pubblicizzare questo materiale e le sue molteplici utilizzi e potenzialità.

A livello internazionale, evidenziamo la partecipazione e l’assistenza della Rete attraverso il suo stand promozionale e materiale informativo a fiere di settore come FICOR, la Fiera Internazionale del Sughero a San Vicente de Alcántara oa Coruche, in Portogallo. Allo stesso modo, l’Università di Évora ha tenuto il Congresso mondiale Silvo-Pastoral Systems ei partecipanti hanno potuto conoscere da vicino il paesaggio del sughero della penisola iberica attraverso la nostra mostra fotografica Paesaggio Sugheriero. Mediterraneo. Varie.

Un altro evento degno di nota è VIVEXPO, che si tiene a Vivès (Francia) e che ogni edizione riunisce esperti provenienti da Algeria, Spagna, Francia, Italia, Marocco, Portogallo e Tunisia, e quest’anno ha incentrato il suo tema su quella che è l’economia che vogliamo per le nostre foreste di querce da sughero.

Per quanto riguarda invece la promozione turistica dei territori del sughero, quest’anno è stato fondamentale il lancio di From Bark to Bottle, progetto promosso dalla fondazione americana Cork Forest Conservation Alliance, con la collaborazione del tour operator Two Birds One Stone, il cui obiettivo è trasferire ogni anno 40 visitatori nordamericani per fare un’immersione in diversi territori del sughero della Spagna, scoprendo così una cultura unica e ricca. Durante il mese di giugno sono arrivati ​​i primi gruppi di visitatori.

Allo stesso modo, su scala più locale, è stata realizzata anche la Ruta del Corcho, che collega comuni come Maureillas-Las Illas, Agullana, Palafrugell e Cassà de la Selva; e allo stesso tempo, in ciascuno di questi comuni, esiste anche un percorso urbano del sughero per sensibilizzare i visitatori al patrimonio associato a questa attività.

Per quanto riguarda il design nel settore del sughero, RETECORK ha partecipato all’Eco design and Eco innovation workshop, organizzato dal Institut Català del Suro e con la collaborazione di AECORK, CUD Zaragoza University, Inèdit-Innovació SL, Sostenipra, ICTA e l’Università Autonoma di Barcellona. Sono stati inoltre mantenuti i contatti con l’area Relazioni internazionali e sviluppo commerciale di ELSISAVA, la Scuola di Design e Ingegneria dell’Università di Barcellona; e segnaliamo anche la partecipazione alla consegna dell’Entrepreneurship Award – Business Idea with Cork, dove sono state scoperte nuove soluzioni di edilizia sostenibile, oggetti decorativi, utensili da cucina, giocattoli educativi…

Infine, il nostro grande alleato, il settore vitivinicolo. In quest’area, RETECORK ha partecipato a diversi eventi come il D.O. Empordà, nell’ambito del Festival di Vívid; il XXI Concorso Vino e Cava della Catalogna – Giroví; o il XIV Simposio dell’Associazione dei musei del vino di Spagna, dal titolo “Alla periferia del mondo del vino”.

2015

Nel corso del 2015, e soprattutto nel primo trimestre dell’esercizio, gli sforzi della Rete sono stati rivolti alla promozione e divulgazione del progetto CORKLANDTOUR. Cork, Landscape & Tourism. Valorizzazione sociale e turistica dei paesaggi sughericoli, a cui ha collaborato la Fondazione Biodiversidad, del Ministerio de Agricultura, Alimentación y Medio Ambiente spagnolo. Come risultati del progetto, da una parte spicca la piattaforma online Scopri i territori sughericoli, con oltre trenta prodotti turistici, dall’altra, i contatti stabiliti con i tour-operator a livello europeo per far conoscere la ricchezza paesaggistica dei territori sugherieri.

Oltre a ciò, RETECORK ha continuato il lavoro di raccolta e mantenimento dei soci. Bisogna segnalare che nel mese di maggio del 2015 in Spagna hanno avuto luogo le elezioni comunali, per cui i rappresentanti della Rete hanno realizzato delle visite personalizzate in quasi tutti i comuni in cui sono cambiati gli organi di governo per far conoscere gli obiettivi dell’entità e la sua funzione all’interno del settore sugheriero e stablire delle future sinergie di collaborazione.

D’altra parte, la Rete ha partecipato a fiere, giornate e congressi, alcuni più di carattere locale e altri con una proiezione internazionale. In questo senso, evidenziamo, per esempio, la partecipazione alla IV Settimana Forestale Mediterranea, che si è tenuta nella città di Barcellona; la presenza alla FITUR, la Fiera Internazionale del Turismo, a Madrid; o la partecipazione al Congresso Internazionale “O Montado de sobro e o setor corticeiro: uma perspetiva histórica e transdisciplinar”, a Ponte de Sor, tra molte altre iniziative.

Per quanto riguarda il binomio sughero-vino, RETECORK è consapevole del suo grande potenziale e delle possibilità che apre a livello di collaborazioni, per esempio, nell’ambito della promozione turistica. Per questo, si è messa in contatto con entità come l’Associação de Municípios Portugueses do Vinho, ha seguito da vicino le attività nel contesto della Cidade Europeia do Vinho, nel 2015 a Reguengos de Monsaraz, e ha partecipato a delle attività di carattere più locale come il concorso Giroví.

Infine, in relazione ai futuri progetti della Rete, si è studiata in profondità la candidatura del progetto ERASMUS+; si sono tenute delle riunioni con delle entità legate al turismo come INALENTEJO o la Generalitat de Catalunya; si è partecipato alle Giornate Itineranti d’Innovazione, organizzate dalla Red Rural Nacional e dalla Dirección General de Desarrollo Rural y Política Forestal, etc. Ma l’aspetto più importante, forse, è la presentazione del progetto SUBER_ECOTOUR al concorso del mese di novembre dell’INTERREG SUDOE.

2014

Nel corso del 2014, RETECORK ha lavorato intensamente nell’ambito delle attività previste dal progetto CORKLANDTOUR. Cork, Landscape & Tourism. Valorizzazione sociale e turistica dei paesaggi sughericoli, che ha ricevuto il supporto della Fondazione Biodiversidad e del Ministero dell’Agricultura spagnolo.

Trattandosi di un progetto d’ambito statale, gli interventi sono stati portati a termine solo in Spagna; tuttavia, la Rete ha continuato a lavorare per tutta l’associazione attraverso l’acquisizione di soci, la partecipazione a fiere ed eventi, presentazioni… negli altri paesi membri: Portogallo, Italia e Francia.

Si deve sottolineare che la volontà della Rete, nei prossimi anni, è quella di estendere il lavoro realizzato a livello spagnolo a tutti gli altri territori sughericoli d’Europa.

Qui di seguito, si espongono le attività svolte secondo le linee strategiche del progetto. Non esitate comunque rivolgervi a Scopri i territori sughericoli per ulteriori informazioni.

Analisi della situazione di partenza: identificazione delle risorse e delle attrezzature turistiche potenziali.

RETECORK, attraverso progetti anteriori, aveva già a disposizione delle informazioni generali riguardanti i comuni appartenenti alla Rete, oltre a un inventario di tutti gli spazi naturali protetti spagnoli e una breve scheda descrittiva dei musei e centri d’interpretazione riguardanti il sughero o che contengano degli spazi dedicati a questa cultura.

Per quanto riguarda l’obiettivo del progetto CORKLANDTOUR, che si basa sulla presentazione delle principali caratteristiche ed elementi d’interesse turistico dei territori sughericoli che vi prendono parte, si è partiti dalle informazioni citate come base documentale e si è portato a termine un processo di strutturazione, aggiornamento di dati e sintesi, in modo che il risultato fosse allettante e di facile lettura nei formati turistici che si volevano usare.

Attualmente sono disponibili 16 schede di comuni, 24 di spazi naturali protetti e 7 di musei e centri d’interpretazione.

Giornate e presentazioni per la sensibilizzazione e formazione degli agenti turistici e di altri legati ai territori sughericoli.

Lungo tutto il periodo d’esecuzione del progetto CORKLANDTOUR abbiamo partecipato a diversi eventi e riunioni che hanno permesso la presentazione dello stesso progetto e la diffusione delle informazioni sull’evoluzione e sui risultati finali ad agenti turistici e ad altri legati ai territori sughericoli.

Tra di essi, segnaliamo, per esempio, la partecipazione alla Conferencia Internacional Alcornocales y sector corchero, organizzata dalla Fondazione Biodiversidad; la presenza alla presentazione di Jerez, Ciudad Europea del Vino o all’Incontro di Enoturismo Portogallo/Brasile a Lisbona; oltre alla partecipazione al Congreso Internacional de Turismo Rural y de Naturaleza tenutosi a Granada.

Interventi di sostegno alla creazione di un prodotto turistico nei diversi territori sughericoli.

L’obettivo di questa attività consiste nell’assicurarsi che gli agenti turistici dei territori conoscano il progetto e ne siano coinvolti attraverso la creazione di un prodotto specifico. Sono quindi stati organizzati dei laboratori con imprenditori del settore alberghiero, ristorazione, imprese di attività turistiche, etc., guidandoli alla realizzazione di un prodotto turistico finale allettante per il mercato nazionale ed europeo.

Sviluppo di una campagna di promozione dell’offerta turistica dell’ambito sughericolo.

Questa è una delle attività essenziali del progetto CORKLANDTOUR e ha l’obiettivo di dispore di una piattaforma di promozione turistica dei territori sughericoli.

A questo scopo, è stato elaborato un sistema di promozione basato sull’edizione di materiale off-line di comunicazione con operatori e professionisti, la pubblicazione di opuscoli da distribuire al pubblico potenziale, la progettazione di una piattaforma che contenga le informazioni rilevanti sia per il pubblico in generale sia per i professionisti del turismo.

Spagna, Francia, Regno Unito, Germania, Olanda e Belgio, a cui sono stati presentati i territori sughericoli.

Materiale di promozione nell’ambito del progetto CORKLANDTOUR.

Per arrivare ai tipi di pubblico indicati come obiettivo (operatori turistici nazionali ed europei, mezzi di comunicazione specializzati, agenti turistici pubblici e privati e visitatori potenziali), la Rete ha elaborado una serie di materiali divulgativi e di promozione dei territori sughericoli e del progetto, la maggior parte disponible in 7 lingue: dossier professionale e opuscolo divulgativo, memoria usb, comunicati stampa e il prodotto principale, la nuova piattaforma online.

2013

Nel 2013 la Rete ha proseguito con la missione di conquista di nuovi soci e con la realizzazione di contatti istituzionali. È importante segnalare l’importanza di questa attività, tenendo in considerazione che a metà aprile è avvenuto un cambiamento negli organi di gestione della Rete che ha visto subentrare nella presidenza della Commissione Esecutiva il comune di Coruche (Portogallo), mentre la presidenza dell’Assemblea Generale è passata al comune di San Vicente de Alcántara (Spagna).

Tra tutti i contatti realizzati, è opportuno segnalare due riunioni con il Consiglio per l’Ambiente della Giunta dell’Andalusia, che hanno aperto la strada a sodalizi e possibili collaborazioni future, l’incontro con il Dott. Martí Boada, membro del comitato di valutazione delle Riserve della Biosfera dell’UNESCO, laddove RETECORK ha richiesto a questa istituzione di dichiarare i sughereti Patrimonio dell’Umanità, e la partecipazione alla presentazione di progetti selezionati dalla Fondazione Biodiversità nella sua ultima convocazione, in rappresentanza del progetto CORKLANDTOUR. CORK, LANDSCAPE & TOURISM, che verrà portato avanti nel 2014.

Nel 2013, nell’ambito del progetto Territori del Sughero, co-finanziato dal Ministero dell’Agricoltura, Alimentazione e Ambiente e dal FEADER, RETECORK ha partecipato agli eventi che si sono tenuti in tutte le aree del sughero spagnole.

Si segnala inoltre la realizzazione di laboratori con la partecipazione di vari comuni del sughero aventi per obiettivo la ricerca di nuove linee di lavoro e di sfruttamento sostenibile dei territori del sughero, per esempio con lo sviluppo del turismo naturalistico, in un’azione congiunta tra agenti sociali, economici e amministrativi.

La Rete ha partecipato anche alle giornate come La Mujer y el Corcho: asignatura pendiente a San José del Valle, Corcho Virgen del Alcornocal a Cortes de la Frontera, alle V Jornadas Gastronómicas y Agroalimentarias “Parque Natural Tajo Internacional”, ha assistito al I Congreso Ibérico de la Dehesa y el Montado a Badajoz, ecc. Va sottolineata anche la partecipazione di RETECORK all’organizzazione del II Incontro dei Musei e dei Centri di Interpretazione del Sughero e all’XI Festa de la Pela di Llofriu, Palafrugell.

Per concludere, nell’ambito del progetto Territori del Sughero, la Rete ha assistito agli eventi che sono stati svolti in Portogallo e in Francia e alla III Settimana Forestale Mediterranea, tenutasi a Tlemcen, Algeria.

In quest’anno di attività, RETECORK ha collaborato con vari enti per la promozione delle campagne a favore del tappo di sughero e del suo riciclaggio. Il vincolo è stato sancito con la sottoscrizione di convenzioni quali, ad esempio, gli accordi con la cantina Vallformosa, con la Fondazione VIMAR o CETEX, con la Confederazione Aziendale del Turismo di Extremadura; oppure attraverso la partecipazione a fiere ed eventi come l’ENOMAQ a Saragozza e la chiusura della campagna El corcho preserva lo bueno, a Madrid.

In questo periodo sono stati inoltre proseguiti i lavori sull’edizione e aggiornamento del materiale di divulgazione come il manuale di creazione del prodotto turistico nel territorio del sughero, il depliant Young Cork Design, il pieghevole Municipios Corcheros, il catalogo Más allá del tapón, o il racconto El extraño caso del alcornocal misterioso, oltre all’elaborazione di tutta una serie di studi e rapporti di carattere più tecnico.

2012

Nel corso del 2012 e in seguito ai cambiamenti avvenuti in seguito alle ultime elezioni generali, sono stati intensificati i lavori della Rete per ricomporre le alleanze politiche e per fare in modo che gli organi di governo conoscano e tengano in considerazione i territori del sughero.

Oltre agli incontri e alle riunioni con deputati e senatori a livello statale e al contatto diretto con entità del settore e ad esso relazionate, vanno segnalati due incontri e la ripercussione che questi possono generare a livello europeo: il primo di essi è avvenuto con la Signora Joana Agudo, membro del Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE) la quale ha informato che questo organo sta prendendo in esame la documentazione per una decisione che spetta al Parlamento Europeo e al Consiglio in merito a nuove forme di sfruttamento del territorio e alle emissioni e che, per ora, il sughereto non compare come ecosistema concreto; in questo modo si è profilata quindi una linea di lavoro per la Rete. Il secondo incontro è avvenuto con il Signor Ramon Tremosa, eurodeputato, il quale ha espresso la propria disponibilità e impegno nei riguardi del settore, invitando chi era presente alla riunione a una stretta collaborazione e a operare in questo senso.

Nel corso di quest’anno, il fattore più notevole a livello di rapporto con altre associazioni e/o aziende è stato l’accordo di collaborazione stretto tra RETECORK, Miquel Alimentació Grup e ICTA. Attraverso un’iniziativa promossa dal gruppo Miquel Alimentació è stato possibile lanciare una campagna a livello statale di riciclaggio di tappi di sughero e realizzare cinque interventi di carattere silvicolo in determinati sughereti del territorio spagnolo.

Oltre alla partecipazione della Rete a seminari, giornate, eventi mediatici… si segnala la realizzazione della seconda edizione del CorkLab, laboratorio di formazione nell’ambito del Master di Disegno e Architettura dell’ELISAVA, oltre alla presentazione della pubblicazione CorkLab 2011 nella Pedrera di Barcellona.

RETECORK ha proseguito nella realizzazione di studi e rapporti, nonché con la promozione delle campagne a favore del tappo di sughero, segnalandone la presenza al FITUR 2012 (Fiera internazionale spagnola del turismo) attraverso il progetto Territori del Sughero e altre campagne a livello internazionale.

In quest’ultimo anno, RETECORK ha proseguito i propri lavori di edizione e aggiornamento costante del materiale vincolato alla Rete, alle campagne di promozione a favore del tappo di sughero, alle mostre itineranti e al catalogo Paesaggio del Sughero, e alla pubblicazione CorkLab, esperienze di disegno e architettura con sughero, oltre che della propria pagina web.

2011

Nel corso del 2011, RETECORK ha mantenuto contatti con i rappresentanti dei vari gruppi politici del Parlamento Spagnolo, del Parlamento Europeo, del Parlamento della Catalogna e del Parlamento dell’Andalusia.

Nell’ambito di questa attività permanente di rapporto con rappresentanti politici vanno segnalati tre degli eventi più significativi per il settore del sughero e per la Rete in particolare: l’incontro a Coruche, durante il FICOR (Fiera Internazionale del Sughero), con i rappresentanti della Commissione dell’Agricoltura e dell’Ambiente del Parlamento Europeo; quindi l’incontro tra il Sig. André Bordaneil, Sindaco di Maureillas-las-Illas e la Signora Sanchez Schmid, Deputata del Parlamento Europeo; e, infine, le proposte di risoluzione ed emendamenti sul settore del sughero approvate dalla Commissione per l’Azienda e il Lavoro del Parlamento della Catalogna.

RETECORK ha intrattenuto rapporti e collaborato con aziende e associazioni di tipologia estremamente varia, come ad esempio la Rete Europea delle Città del Vino – RECEVIN, la Denominazione di Origine Ribera del Guadiana, l’Università di Extremadura o il Gruppo delle superfici commerciali Miquel Alimentació. La maggioranza di questi contatti è sfociata in rapporti di lavoro e nell’impegno da parte di queste entità a favorire l’impiego del sughero.

Va anche segnalata l’organizzazione e la partecipazione della Rete a eventi festivi, giornate, conferenze… a livello nazionale e internazionale, circostanze che hanno permesso di raggiungere buoni risultati a livello di notorietà nei mezzi di comunicazione.

Nel 2011 si è proseguito con l’incoraggiamento della promozione dei vini sigillati con sughero e il riciclaggio dei tappi; sono inoltre stati condotti vari studi e scritte varie relazioni, il tutto attraverso il progetto pilota Territori del sughero, co-finanziato dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e dal FEADER (Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale).

Nell’ambito del progetto RETECORK, Rete Europea dei Territori del Sughero, uno strumento per lo sviluppo sostenibile in zone rurali, che si è concluso il 31 gennaio 2011 e ha ricevuto i contributi della Fondazione Biodiversità, si è lavorato sulla progettazione e sull’edizione del nuovo materiale di RETECORK e sulle campagne che si stanno portando avanti.

D’altro lato, attraverso il progetto Territori del Sughero. Il sughero e il paesaggio del sughero base dello sviluppo sostenibile in zone rurali, co-finanziato dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e dal FEADER, è stato anche elaborato del materiale grafico specifico per la Rete.

2010

Nel corso del 2010 si è intensificata l’attività della Rete volta a stabilire contatti istituzionali ed aumentare il numero degli associati mediante la ricerca e adesione di nuovi membri.

Un’altra delle linee di lavoro di RETECORK è la partecipazione a riunioni tecniche, presentazioni e campagne a favore del sughero, dei suoi valori ambientali e dell’importanza che riveste come motore di sviluppo locale sostenibile in molti comuni. Gli interventi realizzati dalla Rete sono stati di vario tipo ed hanno coinvolto sia associazioni che aziende; tramite azioni quali accordi di collaborazione, relazioni, seminari e mostre si è cercato di raccogliere consensi e promuovere sia i territori sugherieri che il sughero come miglior sistema di chiusura a livello sia qualitativo che funzionale ed ambientale. L’organizzazione di eventi, colloqui, tavole rotonde, la partecipazione a ferie e lo stretto contatto con i mezzi di comunicazione sono stati pensati per incidere sul pubblico target e diffondere così i messaggi chiave sul sughero nonché i valori e la missione di RETECORK.

Nell’ambito del progetto RETECORK, Rete Europea di Territori Sugherieri, uno strumento per lo sviluppo sostenibile in zone rurali, finanziato dalla Fundación Biodiversidad, è stato ideato e pubblicato nuovo materiale relativo a RETECORK e alle campagne promozionali in corso. Tra il materiale disponibile realizzato grazie a questo progetto.

2009

Per tutto il 2009, l’interazione di RETECORK con i rappresentanti dei diversi gruppi politici a livello di Parlamento spagnolo, Parlamento europeo e Parlamento della Catalogna si è intensificata, così come la Rete è stata presentata alla Commissione Industria del Senato spagnolo e al Congresso di i deputati. Queste presentazioni vengono ripetute anche a livello internazionale, come al Senato d’Italia, nella Commissione Permanente di Agricoltura e Produzione Agroalimantare.

Vins i Licors Grau si impegna per il tappo di sughero firmando un accordo di collaborazione con RETECORK e l’Institut Català del Suro.

La Rete pubblica uno stand aziendale a disposizione dei membri e partecipa a eventi nazionali e internazionali come FILDA e FICOR in Portogallo, VINITALY in Italia, Al Gusto a Bilbao e attraverso conferenze o tavole rotonde al I Congresso Iberico di Biologia e Società a Badajoz o al I Incontro di Spazi Naturali di Sughero a Palafrugell.

Si riceve invece la notifica che la Fundación Biodiversidad approva il progetto RETECORK, Rete Europea dei Territori del Sughero, uno strumento per lo sviluppo sostenibile in zone rurali.

2008

La Rete viene presentata a diversi enti ed organismi mediante visite ai comuni in questione. Si avviano contatti con parlamentari spagnoli e la partecipazione a programmi europei. Si sviluppa inoltre l’immagine corporativa di RETECORK e si risalta l’aiuto concesso dalla Diputació de Girona per la realizzazione di campagne promozionali pilota dei vini tappati con sughero e del riciclaggio dei tappi.

Nel 2008 RETECORK partecipa a VIVEXPO in Francia e al Seminario sul Sughero tenutosi a Tempio Pausania (Sardegna).

2007

Si costituisce la Rete Europea di Territori Sugherieri – RETECORK, formata inizialmente da 23 associati, provenienti da Spagna, Portogallo, Italia e Francia. La Rete nasce con il seguente obiettivo: costituire partendo dall’amministrazione locale e ai fini di uno sviluppo socio-economico delle località interessate, una piattaforma di conoscenza, promozione e sviluppo della cultura sugheriera, formata da rappresentanti delle comunità tradizionalmente legate alla produzione, trasformazione e commercializzazione del sughero.

2006

Nell’ottobre 2006 si svolge a Palafrugell il primo incontro di territori sugherieri, con la partecipazione di 46 presenti e 11 relatori. Si approva la Carta di Palafrugell, un documento che ha poi promosso la costituzione di un’Associazione di Collettività Sugheriere a livello europeo.